PALIO FACTORY 2. “Rumore di acque” con Alessandro Renda (13 dicembre 2016, Teatro San Giorgio)

martedì 13 dicembre  2016 – ore 21.00
Teatro San Giorgio _ Udine

 RUMORE DI ACQUE

 di Marco Martinelli
ideazione Marco Martinelli, Ermanna Montanari

 con Alessandro Renda
regia Marco Martinelli
musiche originali Guy Klucevsek
spazio, luci, costume Ermanna Montanari, Enrico Isola
sartoria e capi vintage Laura Graziani Alta Moda, A.N.G.E.L.O.
tecnico luci Fabio Ceroni
tecnico del suono Enrico Isola

 coproduzione Ravenna Festival, Teatro delle Albe-Ravenna Teatro


Un solo attore in scena, un livido, bieco Generale in divisa che conta i caduti e i sopravvissuti in mare, migranti che si ritrovano a vivere in un inferno ben diverso dal mondo dorato in cui speravano di trovare salvezza e fortuna.

Rumore di acque, come in un “documentario teatrale”,  racconta la loro storia,  impaginando con forza surreale  le vicissitudini e le strazianti vite di chi ha affrontato un lungo viaggio per scappare da morte e distruzione. Sono storie vere , dato che vengono portate in scena le odissee  e  i ricordi di chi ha realmente vissuto la fuga dalla madre patria e ha visto amici e parenti morire durante il cammino.
Lo spettacolo è nato dal bisogno di denunciare la situazione dei profughi in Europa e nel mondo, dalla urgenza  di sensibilizzare il pubblico a un argomento tanto antico quanto attuale come quello delle guerre e delle loro conseguenze.
E nello stesso tempo esso spinge a riflettere anche sul senso del teatro e sulla sua necessità.
“Che cos’è la cultura, che cos’è il teatro, da Sofocle a Brecht, se non un cerchio ideale in cui l’umanità riflette sulla violenza e sulle contraddizioni drammatiche che la lacerano?”  – si chiede  infatti il regista Marco Martinelli – “Questo, a mio avviso, significa prendere sul serio le parole cultura e teatro, affrontando i nodi capitali della propria epoca senza fine”.
Dopo il debutto nel  2010 all’interno del Ravenna Festival,  il lavoro ha  portato in tutto il mondo  il suo grido di umanità, con repliche avvenute  in Francia, Germania, Romania, negli Usa (Chicago e New York), in Brasile, in Cile e nuovamente in Italia.

Da  non perdere.