PALIO 2017 “Noccioline”/”Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte”, recensione

Teatro Palamostre
venerdì 19 maggio

ore 20.00
I.T.G. “G.G. Marinoni” – Udine
Noccioline
di Fausto Paravidino

con Alba Chiara Rizzatti (MISS DIXIT), Riccardo Zani (BUDDY), Marzia Dante (CINDY), Arianna Sgarbossa (LA RAGAZZINA), Micole Nadalini (PIGGY) , Fabio Longhitano (MINUS), Alessia Battiston (SILLY), Valentina Ronchi (PARTY), Agata Rispoli (MAGDA), Miriam Cecchini (SNAPPY), Francesco Redavid (WOODSCHLOCK), Freddy De Santa (SCHKREKER)

assistenza al coordinamento Alessandra Palombini / coordinamento Luca Zalateu / docente referente Marco Bigoni

Venerdì 19 maggio due spettacoli per il Palio Teatral edi Udine. Per primi, con il coordinamento di Luca Zalateu, si esibiscono i ragazzi dell’I.T.G “G.G.Marinoni” con Noccioline, testo d’attualità di Fausto Paravidino.
La storia si sviluppa in una casa di cui Buddy, il protagonista, è custode con il compito di non far entrare nessuno. Fregandosene di lui, i suoi amici entrano in casa e si comportano in maniera irrispettosa.
Buona performance dei ragazzi che nonostante la difficoltà del testo trasmettono al pubblico i difetti della nostra società. Originale la divisione in situazioni, esplicitate da Miss Dixit, che rendono più chiaro l’intreccio complicato delle vicende. Nel complesso uno spettacolo bello e di estrema attualità che piace e fa riflettere il pubblico.
Bravi!

 

 

ore 21.15
Liceo artistico “G. Sello” – Udine
Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte
ovvero Le avventure spaziali di Christine Jane Francis Boone
riscrittura da Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte di Mark Huddon & Simon Sephens

Gruppo “La compagnia del mandarino

con  Alessia Adamo, Alessia Araujo, Adriana Bardi, Luca Bergamasco, Noa Biecher, Carolina Bisioli, Elisabetta Blasizza, Michelle Blasizza, Giulia Colautti, Simone Coloierà, Adele Costalunga, Caterina Castelletto, Giulia D’Aluiso, Valentina Ercolini, Bianca Forte, Julian Galindo, Beatrice Gaspardo, Mattia Giacchetto, Laura Giordan, Nicole Greatti, Chiara Signorini Gremigni, Olena Komashenko, Emma Langellotti, Giovanni Leone, Giulio Lombardo, Silvia Merconchini,Agata Miani, Irene Michelin, Giulialuna Milocco, Filippo Minigutti, Julia Musig, Sara Pesante, Leonardo Pestrin, Sasha Pighini, David Radovanovic, Martina Riva, Maria Paula Rodriguez, Noemi Taboga, Chiara Tanushi, Filippo Totis

collaborazioni Manuela Miscoria (traduzione dell’opera originale), Anna Gubiani (consulenza drammaturgica), Sara Pesante (locandina), Adriana Bardi (costumi), Michelle Blasizza (scenografia e oggetti di scena), Caterina Castelletto (arpa), Julian Galindo (chitarra ritmica), Luca Bergamasco (chitarra elettrica), Emma Langellotti, Alessia Adamo, Giulia D’Aluiso, Giovanni Leone (riprese video), Adriana Bardi, Caterina Castelletto, Carolina Biosioli, Irene Michelin, Emma Langellotti, Maria Paula Rodriguez (canzoni)

assistenza al coordinamento Giovanni Leone / coordinamento Alessandro Di Pauli / docente referente Chiara Mantesso

Nel secondo spettacolo della serata entrano in scena i ragazzi del “G. Sello”, che si cimentano in Le avventure spaziali di Christine Jane Francis Boone, riscrittura del romanzo Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte scritto da Mark Huddon.
La vicenda si sviluppa attorno ad una ragazzina, Christine, affetta da una sindrome legata all’autismo e caratterizzata dalla sfrenata passione per lo spazio. La sua vita cambierà totalmente quando una sera scoprirà il cadavere del cane della vicina di casa, fatto che la sconvolgerà e che la porterà all’ostinata ricerca del colpevole.
Se lo spettacolo ha fatto registrare il tutto esaurito un motivo c’è. L’esibizione è magnifica, i ragazzi molto bravi e preparati. Personaggi divertenti, personaggi duri divertono e commuovono la folla in un tripudio di applausi e ammirazione. Estrema anche la loro caratterizzazione, Christine in particolare che risulta solitaria, fredda e diffidente verso le altre persone. Molto originale l’accompagnamento musicale di alcuni strumenti a corda, in particolare dell’arpa le cui melodie allietano il pubblico.
Un grande elogio anche al coordinatore Alessandro Di Pauli e agli altri collaboratori , fondamentali per la crescita e per il coordinamento di un gruppo così numeroso. Esibizione quindi impeccabile e di elevatissimo livello, straordinariamente apprezzata dal pubblico.
Complimenti!!!

scritto da Ronaldo Karruli (Liceo scientifico “N. Copernico”)