LETTURE IN CORTE 2017.”La Resistenza secondo Elio Bartolini”

MERCOLEDÌ 14 GIUGNO 2017, ore 21.00
CORTE PALAZZO MORPURGO

LETTURE IN CORTE

La Resistenza
“Il Ghebo” ovvero la Resistenza secondo Elio Bartolini
di Angela Felice e Paolo Patui

intervengono  Paolo Medeossi e Francesco Micelli
a cura di Associazione culturale Modo e Teatro Club Udine

 

Seconda puntata, mercoledì 14 giugno 2017, alle ore 21, nello spazio all’aperto di Corte Morpurgo, del percorso di  “Letture in corte”, ideato e condotto da Angela Felice e Paolo Patui secondo una formula ormai consolidata da anni: lui che legge e commenta, lei che contrappunta e puntualizza, insieme ad alcuni esperti che intervengono tema. Per il nuovo ciclo dell’estate 2017, a cura dell’Associazione Modo e del Teatro Club Udine, al centro dell’attenzione restano sempre i libri, ma selezionati in modo da permettere una  riflessione  sui fatti di svolta epocale  nella storia moderna e contemporanea  dell’Italia, con riverberi specifici  in Friuli.
Dopo l’epopea risorgimentale del primo appuntamento, ora sarà la volta delle lotte della Resistenza che hanno particolarmente coinvolto il territorio regionale, segnandone non senza traumi  il riscatto democratico, la coscienza antifascista e il ritorno alla partecipazione civile, temi sui quali si soffermeranno i due ospiti della serata, il giornalista Paolo Medeossi e lo studioso Francesco Micelli.

Lo spunto per queste riflessioni, e oggetto di lettura, sarà fornito dal romanzo Il Ghebo, narrazione d’esordio di Elio Bartolini, la cui prima stesura, dal titolo La Cartera, risale al 1946-1947, sull’eco di vicende largamente autobiografiche. Il libro, sgradito a destra per il tema resistenziale come a sinistra per lo scarso allineamento ideologico, venne però rifiutato da Longanesi e da Einaudi e poté vedere la luce solo nel 1970 per i tipi della Nuova Base di Udine, conoscendo poi delle ristampe successive per vari editori, come nel 1979 per Avagliano, con prefazione di Raffaele Crovi che collocò il romanzo di Bartolini nella «triade delle migliori narrazioni sulla Resistenza italiana» insieme a Uomini e no di Vittorini e a I ventitré giorni della città di Alba di Fenoglio.
Il Ghebo (dal nome di una risorgiva codroipese) è una delle più folgoranti e felici narrazioni dello scrittore codroipese, che non solo recupera un momento storico vissuto e sofferto personalmente, ma lo rievoca e trasfigura in forma anticronachistica e artisticamente sospesa. Sullo sfondo dell’inverno del 1945, in cui incombe anche la tragedia dell’eccidio di Porzûs,  il partigiano Andrea, protagonista del romanzo e nel contempo figura simbolica di solitudine e dubbio, ha il compito di operare nella Bassa friulana e lì di trovare un punto di incontro tra i partigiani della Garibaldi e della Osoppo, organizzandoli  in un possibile  “comando unico” che superi attriti e diffidenze reciproche. Ma Andrea è un intellettuale a suo modo inadatto all’azione, un novecentesco esempio di “inettitudine”, portatore di una visione ideale della società futura che non può non scontrarsi con la rozzezza quasi primitiva dei partigiani combattenti, ostili dinanzi alla formazione culturale di quello strano capo “studiato”.Una ricca e articolata serie di frammenti quotidiani, abilmente intrecciati fra loro, conduce all’episodio conclusivo, l’unico attraversato da un fremito eroico, in cui Andrea si sentirà per la prima e unica volta “comandante”, poco prima di finire ucciso dall’estremo attacco tedesco al rifugio partigiano. In quel gesto, in quell’atto, in quel sacrificio, “l’estensione di prati, marcite e risultive che da sempre dona il sentimento di una solitudine dove non succederà niente” ora invece appare turbata, incredula dinanzi alla sanguinosa presenza della guerra.