Buio 1981: Roberto Zucco

Bernard-Marie Koltès, Alessandro Di Pauli, Filippo Donato
Liceo artistico Sello
Gruppo "Gruppo Teatrale"
Trama

Anno 1981. Roberto Zucco è un pazzo, un criminale, un omicida. Il suo gioco non ha motivi e le uniche regole sono le sue, dettate da una mente indecifrabile e invulnerabile. Nulla di quello che accade lo scompone, sembra quasi che non abbia paura di niente allo stesso tempo fugge, da tutto e da tutti. Gli ostacoli per lui non esistono: le guardie, la polizia, la prigione, nemmeno le persone sono ostacoli ed è per questo che non uccide per bisogno o per passione ma semplicemente perché non vede e calpesta.

 

Con
Alessia Letizia Araujo , Pietro Enrico Badoglio , Adriana Bardi , Elisa Bergagnini , Carolina Bisioli , Elisabetta Blasizza , Michelle Blasizza , Stefan Borogovac , Caterina Castelletto , Francesco Coccolo , Simone Coloierà , Adele Costalunga , Teresa Da Ros , Giulia D’Aluiso , Simone Di Chiara , Valentina Ercolini , Bianca Forte , Mattia Giacchetto , Nicole Greatti , Beatrice Guzzinati , Olena Komashenko , Emma Langellotti , Clelia Lunazzi , Filippo Marzolla , Tommaso Masarotti , Agata Miani , Irene Michelin , Filippo Minigutti , Andrada Muresan , Sasha Pighin , Ilaria Pinosa , Arianna Romano , Chiara Signorini Gremigni
Coordinatore
Alessandro Di Pauli
Aiuto regia
Filippo Minigutti
Docente referente
Chiara Mantesso
Costumista
Adriana Bardi
Scenografie
Michelle Blasizza
Illustrazioni
Chiara Signorini Gremigni
Percorso

Quest’anno ci siamo davvero messi in gioco, rischiando non poco. Il nostro percorso teatrale è cominciato a fine gennaio e la prima cosa che ci ha detto il nostro regista è stata “Ragazzi, domani debuttiamo“. Ci siamo da subito messi all’opera iniziando a proporre testi per poi scegliere quello che è diventato il nostro spettacolo: Roberto Zucco di Koltes.

Come ogni anno l’abbiamo elaborato molto, la storia è davvero forte, abbiamo tagliato ed incollato a modo nostro fino a creare “Buio 1981: Roberto Zucco” con l’aiuto dell’ex studente del Sello Filippo Donato.

Gli elementi presenti nel titolo sono i nostri protagonisti: Zucco, certamente, poi il Buio, la nostra scenografia, l’ambientazione che coincide con il sentimento prevalente: la paura. Infine 1981. Vi è stata una grande ricerca su questo protagonista, tutte le citazioni e le musiche sono esattamente di questo anno.

Che dire, siamo tanti e portiamo con noi tanto lavoro e tanta passione che senza il nostro coordinatore non saremmo stati in grado di trasmettere!

 

Recensioni