Progetto Resistenza

Presentazione

COMUNE DI UDINE – Assessorato alla Cultura

 

TEATRO CLUB UDINE

ISTITUTO FRIULANO PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE

CIVICI MUSEI – GALLERIA D’ARTE MODERNA

A.N.P.I.

A.N.E.D.

 

presentano

 

PROGETTO RESISTENZA

1945-2005

a sessant’anni dalla Liberazione

 

ideazione e coordinamento

ALBERTO BUVOLI  e   ANGELA FELICE

 

In collaborazione con

ENTE REGIONALE TEATRALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

TEATRO NUOVO “GIOVANNI DA UDINE”

ASSOCIAZIONE PROVINCIALE  PER LA PROSA DI PORDENONE

LIBRERIA LIBRINCENTRO

Con il patrocinio

MESSAGGERO VENETO

Con il sostegno

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI UDINE E PORDENONE

 

Mostre, incontri di approfondimento, rappresentazioni teatrali, concerti, appuntamenti di lettura. E’ fitto il programma di iniziative con cui, tra aprile e il prossimo autunno, a corona allargata della tradizionale cerimonia commemorativa del 25 aprile, anche Udine si appresta a celebrare i suoi sessant’anni della Liberazione dal nazifascismo, inserendosi con marcata forza progettuale nelle tante manifestazioni, regionali e locali, fiorite per l’occasione. Altrettanto partecipato è il gruppo di Enti e Associazioni (Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, Teatro Club Udine, A.N.P.I., A.N.E.D., Civici Musei – Galleria di Arte Moderna) che, sotto l’egida dell’Assessorato ala Cultura del Comune di Udine, con il patrocinio del Messaggero Veneto e con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Fondazione CRUP, aderiscono a questo “Progetto Resistenza”.

L’intento comune – sottolineano gli ideatori-coordinatori Angela Felice e Alberto Buvoli, impegnati da mesi a meditare e cucire un “cartellone” di forte rilievo culturale e civile- consiste non solo nel ricordo del passato, da ricostruire e ripensare con rigore di documentazione storica, ma soprattutto nella ricerca di continuità con i valori che hanno animato i padri-combattenti dell’Italia democratica e nella perpetuazione di una memoria, anche lacerante, con cui un paese maturo deve continuare a fare i conti”.

Si parte dunque martedì 12 aprile, ore 18, con l’inaugurazione della mostra curata da Isabella Reale “L’arte della Resistenza” che, fino al 1° maggio, darà modo di rivedere i gioielli dei fratelli Basaldella e di altri maestri della pittura nell’ Aula Didattica della Galleria d’Arte Moderna. Nella stessa sede il 22 e il 28 aprile, Gianfranco Scialino e Stefano Rizzardi, per i primi due appuntamenti del ciclo di letture “Parole incontrate”, leggeranno pagine legate al tema resistenziale, rispettivamente di Pier Paolo Pasolini e di Beppe Fenoglio. Ancora in aprile sono in programma due concerti: il 23 aprile  alle ore 21, al Palamostre, con l’esibizione del Coro Partigiano Triestino; e il 30 aprile, ore 17.30  in piazza Matteotti, del giovane gruppo Goriziano Zuf de Žur, con la proposta musicale, originalmente screziata di sound balcanico dell’ultimo lavoro “Partigiani!”

Fittissimo e particolarmente interessante  è poi il cartellone delle iniziative del mese di maggio, che propone tre incontri in Sala Ajace, tutti alle ore 18, con studiosi e analisti del nostro presente di altissimo profilo (a partire dal 3 maggio con Renzo Guolo,dell’Università di Padova, e Khaled Fouad Allam dell’Università di Trieste, che dibatteranno con il giornalista Gianpaolo Carbonetto sull’impegnativo tema “Resistenza e terrorismo”; e a seguire il 13 maggio con Gabriele Pedullà dell’Università di Roma sul tema “Resistenza e Letteratura e  il 20 maggio con Sergio Luzzatto dell’Università di Torino su “Quale attualità dell’antifascismo” . Incontri che saranno sigillati dalla conferenza il 2 giugno dall’importante intervento di Gherardo Colombo, alle ore 11 sul tema “Resistenza, Costituzione, legalità”.

Fanno corona agli incontri due spettacoli teatrali al Palamostre, entrambi alle ore 21: il 10 maggio, con “Nome di battaglia “Lia” del Teatro della Cooperativa di Milano, applaudita rilettura del ruolo delle donne “partigiane”; e il 13 maggio con “Solitudine”, in cui il bravo attore Beppe Rosso dei Teatri Indipendenti di Torino riporta in scena l’omonimo atto unico di Beppe Fenoglio.

Ancora in maggio, inoltre continueranno gli appuntamenti di lettura che, ora spostati nella libreria Librincentro di via Viola, vedranno impegnati gli attori Giuseppe Bevilacqua (il 3 maggio, con brani da “Lettere di condannati a morte della resistenza italiana”), Massimo Somaglino (il 5 maggio con “Lettera a un kamikaze” di Khaled Fouad Allam)  e Andrea Zuccolo (il 12 maggio ,con “Come un albero di Natale”, inedito atto unico dell’autrice libanese Etel Adnan, ambientato nelle prigioni della Bagdad di guerra).

Voci varie che infine si daranno appuntamento nel cortile interno dell’Osteria allo Stallo sabato 14 maggio, per animare un “Recital per voce e suono”, con letture in libertà da poeti di Resistenza : Brecht, Eluard, Prévert, etc. Un modo per chiudere con aria di festa la prima fase del progetto che, dopo la pausa estiva, riprenderà in autunno con ulteriori significative iniziative: la presentazione del libro “Cimiteri di guerra in Italia, anni 1943-1945”  l’8 settembre alle ore 18,00 in Sala Ajace e, in date e luogo ancora da definire, la mostra fotografico-documentaria “La seconda guerra mondiale e la Resistenza in Friuli” a cura dell’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, che sarà anch’essa accompagnata da una nuova proposta teatrale, “Achtung banditi!” (produzione congiunta Teatro Club Udine e Associazione per la Prosa di Pordenone)che, dopo il previsto debutto di fine aprile nel Teatro Comunale di Codroipo, sarà riallestita anche per il pubblico udinese.

 

2007

¨         SABATO 23 aprile Teatro Palamostre – ore 21.00 concerto del Coro Partigiano Triestino PINKO TOMAZIC ●         LUNEDÌ 25 aprile CERIMONIA DELLA LIBERAZIONE ore  9.45 –     concentramento in p.zza 1° Maggio ore 10.30 – ...

Vai